Documenti: 69, Mostrati: 1 - 20

Tutte le biblioteche e collezioni

Preview Page
Aarau, Aargauer Kantonsbibliothek, MsMurF 5
Pergamena · 258 ff. · 30.5-31 x 22.5-23 cm · prima metà del XIV sec.
Jacobus de Voragine

Il domenicano italiano Jacopo da Varagine,conosciuto come l'autore della Legenda aurea, oltre a delle vite di santi ha scritto anche lunghi cicli di prediche. Questa collezione della prima metà del XIV secolo contiene circa 340 prediche per tutte le domeniche e i giorni festivi dell'anno ecclesiastico. Il manoscritto è giunto nella biblioteca del monastero di Muri nel 1553. (gam)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Aarau, Aargauer Kantonsbibliothek, MsMurF 6
Pergamena · 77 ff. · 30 x 20.5 cm · XV sec.
Missale speciale

Il Missale speciale del XV secolo contiene i formulari della messa per le più importanti festività dell'anno ecclesiastico (Natale, Epifania, Pasqua, Ascensione, Pentecoste, Trinità, Michele, Ognissanti, e la consacrazione della chiesa) così come la messa per i morti e alcune messe votive. Questa raccolta era adatta al culto in una cappella. In questo manoscritto l'immagine del canone con la crocifissione di Cristo è stata asportata. (gam)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Aarau, Aargauer Kantonsbibliothek, MsMurF 14
Carta · 293 ff. · 41 x 31 cm · Lucerna · 1474
Ps. Egidio Romano, Nicolao da Dinkelspühl, Bernardo de Parentis

Nel 1474 Adam Keuten, dal 1467 prete secolare della Hofkirche di Lucerna, pubblicò un volume di grande formato con le Proprietates rerum naturalium moralisatae, un'enciclopedia in sette parti sui più importanti rami del creato, seguita da interpretazioni allegoriche dei fenomeni naturali. Il volume contiene anche un trattato medico e alcune brevi opere sull'Eucaristia e un trattato più lungo sulla messa. (gam)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Aarau, Aargauer Kantonsbibliothek, MsMurF 84
Carta · 388 ff. · 26.5 x 19.5 cm · Alpirsbach · 1498-1499
Petrus Hispanus, Petrus Tartaretus

Il manoscritto miscellaneo è costituito da un incunabolo stampato a Friburgo i. Br. nel 1494 e da due parti manoscritte, copiate nel 1498 e 1499 da frate Johannes Bengel, conventuale del monastero Alpirsbach nella Foresta Nera. I tre scritti sulla logica scolastica sono di Pietro Ispano e Pietro Tartareto, un filosofo parigino contemporaneo, la cui figura logica chiamata «ponte dell’asino» (pons asinorum) è stata anche trascritta. (gam)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Aarau, Aargauer Kantonsbibliothek, MsMurF 85
Carta · 149 ff. · 28 x 21 cm · Italia del Nord · intorno al 1470-1480
Antonius Guainerius; Tractatus medicinales

Il manoscritto miscellaneo, dall’Italia del Nord, contiene tre incunaboli con opere del medico attivo a Pavia Antonio Guainerio, e una parte manoscritta degli anni intorno al 1470 con trattati su infertilità, urina e dolori addominali, integrati da alcune brevi ricette e da un consulto medico per l'umanista e diplomatico Marcolino Barbavara. (gam)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, A I 20
Carta · 232 ff. · 29 x 21 cm · area linguistica alemannica orientale · 1445
Manoscritto miscellaneo con trattati a carattere spirituale

Il manoscritto è stato vergato dal produttivo copista e in seguito priore del convento domenicano di Basilea Albert Löffler nel 1445, poco prima del suo ingresso nell'ordine. Il suo contenuto illustra l'educazione accademica e religiosa di Löffler: contiene testi latini a carattere spirituale, come lo Speculum artis bene moriendi, oggi attribuito a Nikolaus von Dinkelsbühl, il Pilgerbuch der Seele zu Gott di Bonaventura di Hugo e lo Speculum ecclesiae di Ugo di Santo Caro, accanto al popolarissimo Liber de ludo scacchorum di Jacobo da Cessole, uno dei primi trattati in latino sugli scacchi. Sono inclusi anche due testi in tedesco: un trattato sulla perfezione e un catalogo di domande per verificare se all'anima di un malato spetti, dopo la morte, la vita eterna. (mue)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, A VI 12
Carta · 231 ff. · 29.5 x 21 cm · terzo quarto del XV sec.
Johannes Heynlin: Disputationes

Il volume cartaceo della biblioteca della certosa di Basilea, senza decorazione, contiene le Disputationes o Quaestiones di Johannes Heynlin de Lapide. Questi dibattiti, che secondo la nota che si legge a c. 1r si svolgevano a Parigi al cospetto e da parte di Heynlin, sono state scritte da numerose diverse mani, tra le quali quella dello stesso Heynlin. (mue)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, A VII 68
Pergamena e carta · 324 ff. · 13 x 10 cm · metà/seconda metà del XV sec.
Cursus beatissimae virginis Mariae secundum ordinem Carthusiensem et aliae orationes

Il piccolo e spesso manoscritto in carta e pergamena della biblioteca della certosa di Basilea deve essere stato usato intensamente, come suggeriscono le forti tracce di sporco e le tracce d'uso. L'originale rilegatura in pelle rossa è ricoperta da un altro strato di pelle, che sporge oltre la copertina del libro nella parte inferiore e può essere ripiegata sul taglio inferiore per proteggerla. Il manoscritto contiene preghiere, inni e altri testi devozionali di numerosi autori diversi – soprattutto santi e papi – come Mechthild di Magdeburg o Bernardo di Chiaravalle. Sono rappresentati anche autori certosini come Heinrich Arnoldi. Alle cc. 4v e 316v sono incollate diverse xilografie e incisioni su metallo colorate. (mue)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, A VIII 2
Carta · 85 ff. · 21.5 x 15.5 cm · 1504-1505
Sermones capitulares Cartusiensium

Il manoscritto cartaceo, appositamente preparato dal copista Johannes Loy per la certosa di Basilea, contiene una raccolta di sermoni da leggere nel capitolo. Le prediche sono state scritte da tre certosini: Hieronymus Brönick, Heinrich Arnoldi e Heinrich Eger di Kalkar. Come spiega la nota introduttiva a c. 1v, per evitare l'uniformità che è la madre della noia, per ogni giorno festivo vengono raccolte quattro prediche diverse, in modo che la stessa predica venga tenuta solo una volta ogni anno bisestile. (mue)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, A X 69
Carta · 160 ff. · 21-21.5 x 14.5 cm · 1472
Henricus Arnoldi: scritti ascetici

La prima parte del manoscritto cartaceo, proveniente dalla certosa di Basilea, contiene il Tractatus de modo perveniendi ad veram et perfectam dei et proximi dilectionem del priore Heinrich Arnoldi (1407-1487), e nella seconda parte, intitolata De humilitate, contiene una raccolta di scritti minori dello stesso. Entrambe le unità di testo si trovano anche nel manoscritto A X 83, scritto nello stesso anno. (flr)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, A X 83
Carta · 215 ff. · 20.5 x 13.5-14 cm · Basilea · 1472
Manoscritto composito con testi di Henricus Arnoldi e Gerardus de Zutphania

Gli scritti del priore Heinrich Arnoldi (1407-1487), presenti nella prima parte del manoscritto (la raccolta De humilitate e il trattato De modo perveniendi) sono in gran parte uguali a quelli inclusi nel ms. A X 69. La seconda parte contiene il Tractatus de reformatione virium animae del teologo olandese Gerardus de Zutphania (1367-1398). Johannes Gipsmüller (1439-1484) scrisse il manoscritto nella Certosa di Basilea nel 1472. Prima del foglio 1 doveva esserci una xilografia colorata, della quale sono ancora visibili resti di colore e l'impressione speculare della didascalia. (flr)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, A X 95
Carta · 272 ff. · 14 x 10.5 cm · 1523
Devotionalia varia ex usu Cartusiensium

Il manoscritto cartaceo di piccolo formato, proveniente dalla certosa di Basilea, è vergato in gran parte dalla mano del bibliotecario Georg Carpentarius, che ha raccolto, per gli esercizi spirituali quotidiani, preghiere per varie occasioni, inni, meditazioni e altri testi teologici. Tra gli autori identificabili ci sono grandi autori quali Anselmo di Canterbury e Bernardo di Chiaravalle, accanto a nomi meno noti come Basilius Phrisius. Nelle copertine sono incollate due stampe a colori: san Giorgio con il drago (controguardia anteriore) e la Messa di san Gregorio (controguardia posteriore). (mue)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, A X 122
Carta · 154 ff. · 22 x 16.5 cm · certosa di Basilea · 1496-1498
Manoscritto miscellaneo a carattere teologico

Il manoscritto cartaceo della certosa di Basilea contiene ordinari per i sacerdoti (compreso un discorso in tedesco ai fratelli conversi), diaconi e sottodiaconi, istruzioni sulla carica di sacrestano e una serie di brani musicali liturgici più o meno lunghi. Tra questi ultimi, altrimenti interamente in latino, c'è una versione tedesca della sequenza Ave praeclara maris stella (135r-135v) scritta da Sebastian Brant. Il manoscritto è stato scritto da Thomas Kress, l'ultimo certosino di Basilea († 1564), all'inizio della sua carriera monastica (più precisamente: nel terzo anno del suo periodo da professo, cfr. 102v). (mue)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, A X 132
Carta · 274 + 1 ff. · 22 x 15-15.5 cm · terzo quarto del XV sec.
Manoscritto miscellaneo a contenuto teologico

Questa miscellanea, composta di varie parti originariamente separate, e proveniente dal fondo del capitolo di S. Leonardo di Basilea, contiene tra gli altri testi di Ugo di S. Vittore e Tommaso da Kempis. Tra i pezzi più brevi nel volume ci sono tra gli altri due testi tedeschi («Fünf Mittel gegen die Ungeduld» e «Zwölf Zeichen der Minne») e tre piccoli glossari: uno ebraico-latino, uno greco-latino e uno latino-tedesco. Degna di nota è anche la fibbia ancora intatta sulla copertina contemporanea. (mue)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, B II 3
Pergamena · 238 ff. · 33.5-34 x 23.5-24 cm · fine del XII sec.
Psalterium cum glossa ordinaria; Cantica ad laudes et ferialia glossata

Il manoscritto, decorato con parsimonia da iniziali ornamentali con tralci e figure, fu realizzato alla fine del XII secolo e apparteneva alla biblioteca della certosa di Basilea. Oltre alle cantica ad laudes et ferialia glossate contiene principalmente il salterio con la glossa ordinaria, il commento standard del Medioevo ai testi biblici. La disposizione del testo è stata progettata nel consueto stile del commentario a corona: il testo del salmo è al centro della pagina, attorniato nei margini e tra le righe dall’interpretazione. (flr)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, B X 29
Pergamena · 175 ff. · 15 x 11 cm · XIII e XIV sec.
Manoscritto miscellaneo contenente prediche e materiale per prediche

Il manoscritto consisteva originariamente di almeno due volumi, come si può ancora oggi vedere dalla foliazione originale separata. La prima parte è stata scritta nel XIII secolo da diverse mani molto simili e contiene numerosi sermoni, tra gli altri di Gilberto de Tornaco e Bonaventura. La seconda parte, scritta da una mano principale del XIV secolo, comprende una vasta collezione di exempla di varie origini. Il semplice manoscritto apparteneva alla biblioteca della certosa di Basilea, come confermano le numerose note di possesso, due vecchie targhette col titolo e varie antiche segnature. (flr)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, D III 7
Pergamena · 171 ff. · 24-25 x 18-18.5 cm · Francia (?) · metà del XIII sec.
Avicenna e Al-Gazali in traduzione latina

Il volume, scritto in littera parisiensis a metà del XIII secolo, comprende il De anima di Avicenna nella traduzione di Giovanni da Siviglia e parti della Metafisica, tradotta da Domenico Gundisalvo. Contiene anche i primi due libri della seconda parte dei libri metafisici et physicae di Al-Gazali, sempre nella trasmissione di Gundisalvo. Il testo è completato da alcuni schizzi schematici. Il manoscritto giunse nella biblioteca della certosa di Basilea con la collezione di libri di Johannes Heynlin, che lo aveva acquistato nel 1461. (flr)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, E II 11
Carta · 617 ff. · 28.5 x 20 cm · prima metà del XV sec.
Jakob Twinger von Königshofen, Cronaca

Il manoscritto, della prima metà del XV secolo, contiene la cronaca tedesca di Jakob Twinger di Königshofen (cap. 1-3, 5) e la cronaca anonima bernese (si interrompe per la caduta di fogli). Entrambi i testi sono preceduti da un indice completo. Il manoscritto fu in seguito di proprietà della famiglia Amerbach. (srf)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, F I 16
Pergamena · 38 ff. · 24.5 x 19 cm · XIV sec.
Albertus Magnus: De vegetabilibus et plantis

Il sottile volume in pergamena, dal convento dei predicatori di Basilea, contiene i libri I-V del De vegetabilibus et plantis di Alberto Magno. Questo testo, in realtà composto da sette libri di cui due qui mancano, rappresenta una piccola parte dell'opera straordinariamente ampia del dottore della chiesa e studioso universale, la cui fama fu superata dal suo allievo Tommaso d'Aquino subito dopo la sua morte. La legatura usurata mostra delle tracce che suggeriscono che si tratti di un liber catenatus. (mue)

Online dal: 14.12.2018

Preview Page
Basel, Universitätsbibliothek, Inc 705
Pergamena e carta · 238 ff. · 21 x 14.5 cm · intorno al 1470
Rhetorica ad Herennium

La Rhetorica ad Herennium, dettagliatamente glossata, che si trova all’inizio di questo volume miscellaneo, è stata copiata da Johannes Heynlin, che ha anche portato con sé il volume alla certosa di Basilea. Il testo del I sec. a.C. rappresenta il più antico insegnamento retorico tramandato in lingua latina, ed era molto popolare nel Medioevo e nel Rinascimento, come testimonia una vasta tradizione in più di 100 manoscritti e traduzioni in numerose lingue europee; trasmette principi retorici ancora oggi validi. (mue)

Online dal: 14.12.2018

Documenti: 69, Mostrati: 1 - 20