Sottoprogetti in corso

Manoscritti indiani della Svizzera



Inizio: Gennaio 2017
Finanziato da: swissuniversities

Descrizione: La Svizzera possiede una notevole quantità di manoscritti indiani conservati in diverse biblioteche, musei e collezioni private, fino ad ora per niente o poco studiati. Manca anche un loro censimento. Il progetto «Manoscritti indiani della Svizzera» si propone di mettere questi manoscritti a disposizione della ricerca e di un pubblico più vasto, con una descrizione scientifica.

Liste de manuscrits

Tesori da piccole collezioni



Inizio: Gennaio 2013 
Finanziato da: swissuniversities

Descrizione: La maggior parte dei manoscritti in Svizzera si trova in grandi collezioni, soprattutto in istituzioni pubbliche e ecclesiastiche. Si dimentica però facilmente che alcune delle fonti più importanti, e che determinano l'identità della Svizzera, si conservano in raccolte costituite da pochi manoscritti. e-codices si è riproposta di digitalizzare questi importanti tesori da piccole collezioni, che spesso non sono disponibili per il pubblico in originale.

Lista del manoscritti

e-codices 2017-2020



Inizio: Gennaio 2017
Finanziato da: swissuniversities

Descrizione: Il costante sostegno del programma «Informazione scientifica» di swissuniversities rende possibile la stabilizzazione e la trasformazione da un progetto ad un servizio stabile. In seguito dovrà essere migliorata ulteriormente l'infrastruttura tecnica. Questo ulteriore sviluppo si rende necessario per poter sostenere i sostanziali sviluppi tecnici dei prossimi anni nel campo della interoperabilità. Infine vengono avviati nuovi progetti parziali per pubblicare online, entro il 2020, i manoscritti svizzeri più ricerca dal punto di vista attuale della ricerca.

Lista dei manoscritti

La raccolta di autografi Bodmer



Inizio: Dicembre 2015
Finanziato da: swissuniversities

Descrizione: Nel quadro della continua digitalizzazione delle sue collezioni, la Fondazione Martin Bodmer, insieme ad e-codices, mette a disposizione una ulteriore sezione dei suoi fondi, quella degli autografi moderni e contemporanei (XVI-XX secolo). Questa collezione, composta da varie migliaia di pezzi raccolti nel corso di mezzo secolo, contiene insieme manoscritti di opere letterarie o scientifiche complete, degli articoli, delle epistole scritte da uomini di lettere, da scienziati o da politici, con numerosi pezzi prestigiosi e / o inediti. Vi si trovano inoltre molti documenti raccolti all’inizio del XX secolo dal celebre scrittore Stefan Zweig, un grande collezionista di autografi.

Lista dei manoscritti

La collezione Braginsky su e-codices



Inizio: Dicembre 2014
Finanziato da: Fondazione René e Susanne Braginsky

Descrizione: La collezione di manoscritti ebraici del collezionista di Zurigo René Braginsky viene generalmente considerata come una delle più grandi collezioni private di manoscritti ebraici nel mondo. Contiene anche un buon numero di begli esemplari di libri risalenti ai primi secoli della stampa. La collezione non contiene unicamente codici risalenti a prima o dopo l'invenzione della stampa ma anche alcune centinaia di contratti di matrimonio miniati e di rotoli del libro di Ester. Nel 2009 alcune centinaia tra i pezzi migliori della collezione sono stati scelti per una mostra itinerante che è stata esposta ad Amsterdam, New York, Gerusalemme, Zurigo e Berlino. Dal 2014 i materiali di questa collezione sono pubblicati su e-codices. Questo progetto è generosamente sostenuto dalla fondazione René e Susanne Braginsky.

Lista dei manoscritti

Autografi di Jean-Jacques Rousseau



Inizio: Aprile 2014
Finanziato da: swissuniversities

Descrizione: Gli autografi di Jean-Jacques Rousseau (1712-1778) si conservano in diversi luoghi. Ogni volta che Rousseau cambiava luogo di residenza, lasciava le sue carte ad un amico stretto, così per es. Pierre-Alexandre DuPeyrou, che ha potuto lasciare in eredità alla Biblioteca di Neuchâtel, oggi Biblioteca pubblica e universitaria, una grande collezione di importanti opere e di quaderni di lavoro di questo autore. Altri autografi si trovano presso la Biblioteca di Ginevra, alla quale sono stati lasciati dall’amico ed editore ginevrino di Rousseau Paul Moultou. Autografi si trovano anche all’estero: nella Bibliothèque de l’Assemblée nationale e nella Bibliothèque nationale de France, nel Musée Rousseau di Montmorency o nella Morgan Library & Museum a New York.
La Bibliothèque publique et universitaire di Neuchâtel inizia col pubblicare, in un sottoprogetto dedicato agli autografi di Jean-Jacques Rousseau, «Les Rêveries du promeneur solitaire» ed il «Dictionnaire de Musique». Scopo è quello di organizzare una rete comune coordinata per gli autografi di Jean-Jacques Rousseau. 

Lista dei manoscritti

Codices Fuldenses Helvetiae



Inizio: Dicembre 2013
Finanziato da: swissuniversities

Descrizione: La biblioteca medievale di Fulda, famosa fino al periodo Umanistico, fu quasi completamente distrutta durante la guerra dei Trent'anni. Durante il XVI secolo, un gran numero di codici di Fulda furono portati in Svizzera per servire come fonti per le edizioni stampate prodotte a Basilea. Poiché alcuni di questi manoscritti non tornaro mai indietro a Fulda, uno dei più grandi gruppi di manoscritti e frammenti di Fulda ancora esistenti si trova in Svizzera, in particolare a Basilea. Inoltre, diverse collezioni svizzere conservano prodotti dello scrittorio di Fulda che, per una ragione o per l'altra, non furono mai consegnati alla loro destinazione. Questo progetto, una collaborazione di e-codices con l'Istituto bibliotheca Fuldensis, fornirà un accesso digitale ai manoscritti di Fulda in Svizzera, nella speranza di dare nuovo impeto per la ricerca su questo scrittorio e questa biblioteca. 

Lista dei manoscritti